Territorio vocato alla Barbera.
Tredici ettari di terreno dedicati alla produzione
di vino, cereali, alberi da frutta e nocciole

“Amo sulla tavola, quando si conversa, la luce di una bottiglia di intelligente vino”

Pablo Neruda

In posizione privilegiata, sul punto più alto dei colli di Agliano Terme, proprio nel cuore di quei paesaggi vitivinicoli di Monferrato e Langhe-Roero dichiarati nel 2014 Patrimonio Unesco dell’Umanità, Silvia insieme al marito Daniele Nori e al fratello Giovanni possiede l’Azienda Agricola Castagnero.

Tredici ettari di terreno dedicati alla produzione di vino, cereali, alberi da frutta e nocciole.

Qui, Silvia ha anche il Birrificio Edfil che realizza birre agricole artigianali e si prende cura di turisti, viaggiatori e amanti della buona tavola nel suo Agriturismo C’era una Volta.

L'azienda agricola Castagnero in numeri

13 Ettari di Terra

8 Ettari di Vitigni Autoctoni

001 - Malt Created with Sketch.

2 Ettari a Orzo e Canapa

5 Etichette di Vino

1 Agriturismo con 7 Camere

1 Ristorante da 45 Posti

1 Birrificio Artigianale

13 Etichette di Birra Agricola

LA NOSTRA STORIA

Una storia di famiglia, territorio e tradizione quella dei Castagnero, che affonda le proprie radici indietro nel tempo. Le vigne e i terreni infatti appartenevano alla trisavola di Irma, la nonna di Silvia, che ha poi ereditato l’azienda agricola dal papà Giuseppe, amante della Barbera e produttore di vino per passione.

Nel 1995 ha dato il via insieme al marito all’attività di ristorazione nella vecchia cascina di famiglia.

Qualche anno più tardi però, il ristorante è stato spostato in un casolare vicino. Acquistato come rudere nel 1999, il fabbricato è stato sottoposto a sapienti lavori di restauro e conservazione, che hanno saputo restituirgli il fascino e le atmosfere di un tempo. Oggi accoglie la cucina, un’ampia sala da 45 posti e le sette camere dell’agriturismo.

E proprio il nome dell’agriturismo, C’era una Volta, è stato scelto in onore di questa porzione di Piemonte ed è il simbolo delle vicende che qui la famiglia Castagnero ha vissuto e continua a vivere da oltre 250 anni.

La memoria, il rispetto per il territorio e per la tradizione agricola e vitivinicola di questa terra, accompagnati da una pura vocazione all’ospitalità e alla ristorazione, sono da sempre i pilastri su cui si fonda la filosofia di Silvia.

Non è infatti un caso che su alcune etichette dei vini Castagnero si legga la dedica “A te”: è la promessa fatta (e mantenuta) al papà Giuseppe di mandare avanti l’azienda.

I VINI, LA PRODUZIONE

L’azienda agricola Castagnero si sviluppa su 13 ettari di terra. Di questi, 8 sono dedicati a vigna con vitigni autoctoni di Barbera d’Asti, Grignolino d’Asti e Cortese; 2 ettari sono destinati alla coltivazione dell’orzo e della canapa utilizzati per la produzione delle birre; i restanti invece, ospitano alberi da frutta, noccioli e appezzamenti di bosco. Nelle Langhe, la famiglia possiede anche una piccola vigna di Alta Langa, dove coltiva il Pinot Nero.

La storia colturale dell’azienda risale agli inizi del 1900, quando vengono piantati i primi vitigni di Barbera. Inizialmente, la produzione vitivinicola era limitata ai bisogni della famiglia e degli amici. Tuttavia, nel corso degli anni Novanta si decide di aprirsi al mercato, mantenendo però il più rigoroso rispetto nei confronti delle vigne, del vino, delle caratteristiche del suolo e della natura.

Così, alla produzione di Barbera, vengono affiancati altri due vitigni tipici del Monferrato: il Grignolino: «il rosso – come dice Silvia – che meglio esprime il carattere dei monferrini con quei suoi tannini spiccati e quel profumo misto di rosa canina, frutti di bosco, salvia, spezie e frutta secca», ed il Cortese.

Cantina e vigneti sono ubicati nel punto più alto di Agliano, oltre i 250 metri sul livello del mare. La proprietà è chiamata per questo la “Casa del Bric”, la Casa del Bricco. La “vigna d’la cioca”, ovvero la Vigna della Campana, è la più antica. Ha oltre 100 anni, è coltivata a Barbera ed è protetta da un grande albero di noce che svetta al suo centro. Migliaia di anni fa, proprio qui, c’era il mare che ha contribuito a formare terreni ricchi di preziosi elementi e minerali.

Le Nostre Etichette

Piemonte Cortese DOC – Puciunin

Il nome di questo vino è quello dell’appellativo con cui Giuseppe, il papà di Silvia, chiamava la moglie.

Grignolino d’Asti DOC – Ferlingot

Il nome di questo vino rimanda all’espressione piemontese utilizzata per indicare una persona elegante.

Barbera d’Asti DOCG – Barbisin

Perfetto con piatti e grigliate di carni bianche e rosse, stufati, arrosti e pollame.

Barbera d’Asti Superiore – Cuntacc

Il nome di questo vino rimanda all’espressione piemontese usata per esprimere stupore e bontà.

Nizza DOCG – Parbleu

Questa Barbera in Purezza DOCG può essere prodotta solo in pochissimi comuni del territorio.

Play Video

CONTATTACI

DOVE SIAMO

Previo appuntamento è possibile visitare la vigna e la cantina e prenotare una degustazione di vini accompagnata da un vassoio di tapas piemontesi.

Start typing and press Enter to search